formula scambio anelli nuziali

Lo scambio delle fedi nuziali è il momento più emozionante della cerimonia del matrimonio.

Molte volte gli sposi si chiedono se sia possibile personalizzare la formula delle promesse di matrimonio nella cerimonia cattolica delle nozze.

La risposta è no! O meglio è possibile scegliere, accordandosi in precedenza con il sacerdote officiante il rito, tra le tre formule proposte dalla Chiesa.

Ecco le tre formule:

Prima formula
Io (nome), accolgo te (nome), come mio sposo/a.
Con la grazia di Cristo
prometto di esserti fedele sempre,
nella gioia e nel dolore,
nella salute e nella malattia.
E di amarti e onorarti
tutti i giorni della mia vita

Seconda formula
Sposo: (nome), vuoi unire la tua vita alla mia, nel Signore che ci ha creati e redenti?
Sposa: sì, con la grazia di Dio, lo voglio.
E tu, (nome), vuoi unire la tua vita alla mia, nel Signore che ci ha creati e redenti?
Sposo: sì, con la grazia di Dio, lo voglio.
Insieme: noi promettiamo di amarci fedelmente, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di sostenerci l’un l’altro tutti i giorni della nostra vita.

Terza formula
Il sacerdote può richiedere il consenso in forma di domanda. Chiede prima allo sposo e poi alla sposa:
(nome), vuoi accogliere (nome) come tuo/a sposo/a nel Signore promettendo di essergli/le fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarlo/a e onorarlo/a tutti i giorni della tua vita? Lo sposo e poi la sposa rispondono: sì.

Aggiungi un commento